Museo dell'Opificio delle Pietre Dure
Inizio

 Censimento delle Collezioni Scientifiche in Toscana - Aprile 2003

 

Via degli Alfani, 78
50123 Firenze (FI)

tel. 05526511
fax 055287123
e-mail opd@dada.it
sito web http://www.opificio.arti.beniculturali.it/

tipologia: Museo
natura giuridica: Pubblico - Ente statale - Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Annamaria Giusti, Direttrice; Clarice Innocenti, Vicedirettrice

fondato nel 1882
storia: L'Opificio fu fondato da Ferdinando I dei Medici nel 1588. Si specializzò in lavori in pietre dure, svolti esclusivamente per la Corte. Fu attivo in questa veste per tre secoli. Alla fine del XIX secolo, in assenza della Corte e di committenti adeguati, l'Opificio cominciò a dedicare la sua competenza tecnica al settore del restauro del patrimonio architettonico e scultoreo nazionale. Il Museo documenta la passata produzione artistica dell'Opificio, dal Cinquecento all'Ottocento.

COLLEZIONE:
Raccolta di manufatti
descrizione: Raccolta di modelli e realizzazioni in pietre dure, banchi e strumenti da lavoro, campionario delle pietre utilizzate o collezionate dall'Opificio. Le opere presenti nel Museo coprono l'arco dei tre secoli di attività della manifattura.
numero reperti: 1.520 circa
stato di conservazione: Buono
area disciplinare: Tecnico-Scientifica e Industriale - Artistica
inventario: cartaceo Si , informatico No
catalogo: cartaceo Si , informatico Si
epoca di formazione della collezione: Secolo XVI Secolo XVII Secolo XVIII Secolo XIX 
datazione dei reperti: Secolo XVI Secolo XVII Secolo XVIII Secolo XIX 
attività di restauro: Sì. Tra le attività dell'Opificio nel campo del restauro permane un piccolo ma esclusivo laboratorio di restauro di mosaici e intagli in pietre dure, ricco ancora dei materiali e della tradizione tecnica medicea.
epoca di acquisizione della raccolta: dal 1588
titolarità della raccolta: proprietà
ente proprietario: Museo dell'Opificio delle Pietre Dure
responsabile della collezione: Annamaria Giusti, Direttrice

SPAZI ESPOSITIVI
Nel 1995 il Museo è stato trasferito interamente al piano terreno, ristrutturando un salone che già ne faceva parte. L'itinerario (nove ambienti espositivi) comprende anche le salette ottocentesche che costituivano il nucleo originario del Museo.
superficie espositiva dedicata: 600m2
superficie espositiva condivisa: 1000m2
superficie ad uso di deposito: 100m2

PERSONALE
dipendenti: 25
contrattisti: 0
volontari: 5

APERTURA
apertura al pubblico: Si
orario di apertura: lun.-mer., ven.-sab. 8.15-14.00; gio. 8.15-19.00; dom. e festivi chiuso
costo del biglietto: intero €2,06 riduzioni € 1,03
ingressi a pagamento: 6000
ingressi gratuiti: 500
visita guidata: Si (su richiesta)
bookshop: Si
materiale informativo: Si. Catalogo, guida al Museo rinnovato, guide brevi bilingui.

BIBLIOTECA, ARCHIVIO STORICO, FOTOTECA
Nell'archivio sono conservati 26 filze e 15 registri sette-ottocenteschi.
volumi biblioteca: 9000
documenti archivio: 41
numero immagini: 2000

LABORATORI
laboratorio fotografico:
laboratorio di restauro:
laboratorio didattico:No

NUOVE TECNOLOGIE
utilizzo nuove tecnologie: Sì. Sito Internet con informazioni generali sul Museo e su alcune sale.

PUBBLICAZIONI (1998-2000)
studi e ricerche: 1
cataloghi e guide: 3
pubblicazioni informatiche: 0

ANNOTAZIONI
Il Museo ha essenzialmente rilevanza storico-artistica.

BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE
- PAMPALONI MARTELLI, A., Museo dell'Opificio delle Pietre Dure di Firenze, Firenze, Arnaud, 1975
- GIUSTI, A., Il Museo dell'Opificio delle Pietre Dure di Firenze / The Museum of Opificio delle Pietre Dure in Florence, Firenze, Sillabe, 1992
- GIUSTI, A., Pietre Dure. L'arte europea del mosaico negli arredi e nelle decorazioni dal 1500 al 1800, Torino, Allemandi, 1992
- GIUSTI, A., Splendori di pietre dure. L'arte di corte nella Firenze dei Granduchi, Firenze, Giunti, 1981
- GIUSTI, A., Opificio delle Pietre Dure di Firenze. Guida al Museo, Venezia, Marsilio, 1995
- GIUSTI, A. - MAZZONI, P. - PAMPALONI MARTELLI, P., Il Museo dell'Opificio delle Pietre Dure a Firenze, Milano, Electa, 1978

persone intervistate: Annamaria Giusti, Direttrice
data compilazione: 14/11/2001
compilatore: Donato Monaco
Una veduta.
Campionario ...

Inizio