Museo di Storia Naturale dell'Università degli Studi di Firenze - Sezione di Zoologia "La Specola"
Inizio

 Censimento delle Collezioni Scientifiche in Toscana - Aprile 2003

 

Via Romana, 17
50125 Firenze (FI)

tel. 0552288251
fax 055225325
e-mail specola@specola.unifi.it
sito web http://www.unifi.it/msn/

tipologia: Museo
natura giuridica: Pubblico - Ente statale - Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

Piergiorgio Malesani, Commissario del Museo; Marco Vannini, Responsabile della Sezione

fondato nel 1775
storia: La Sezione di Zoologia trae origine dall'Imperial Regio Museo di Fisica e Storia Naturale, aperto nel 1775 per volontà del Granduca Pietro Leopoldo di Lorena. Il nome "La Specola" venne dato all'edificio per la presenza dell'osservatorio astronomico situato nel Torrino. Con il primo direttore, Felice Fontana, il Museo diventò anche sede dell'importante officina ceroplastica. Nel 1807 Maria Luisa di Borbone costituì al suo interno il Liceo di Scienze Naturali. Nel 1859 divenne sede della Sezione di Scienze Naturali dell'Istituto di Studi Superiori Pratici e di Perfezionamento, istituito dal governo Ricasoli. Nel 1878 il Museo si scisse in diversi Musei disciplinari. L'edificio di via Romana ospita oggi la Sezione di Zoologia, che conserva anche importanti modelli anatomici in cera.

COLLEZIONE:
Collezione di cere anatomiche
descrizione: La collezione comprende cere anatomiche realizzate tra la fine del Settecento e l'inizio dell'Ottocento, riguardanti l'Anatomia sia umana che comparata, oltre a calchi in gesso e disegni.
numero reperti: 3.800 circa
stato di conservazione: Buono
area disciplinare: Medico-Farmaceutica
inventario: cartaceo No , informatico No
catalogo: cartaceo Si , informatico Si
epoca di formazione della collezione: Secolo XVIII 
datazione dei reperti: Secolo XVIII Secolo XIX 
attività di restauro: Sì. L'attività di restauro è affidata all'Opificio delle Pietre Dure e ad altri laboratori esterni.
epoca di acquisizione della raccolta: XVIII secolo
titolarità della raccolta: proprietà
ente proprietario: Museo di Storia dell'Università degli Studi di Firenze - Sezione di Zoologia "La Specola"
responsabile della collezione: Marta Poggesi, Coordinatore generale tecnico

COLLEZIONE:
Collezione dei Vertebrati
descrizione: Comprende esemplari appartenenti alle 5 classi dei Vertebrati. Si tratta di preparati in alcool, naturalizzati, in pelle e scheletri.
numero reperti: 130.000 circa
stato di conservazione: Buono
area disciplinare: Naturalistica
inventario: cartaceo No , informatico No
catalogo: cartaceo Si , informatico Parziale
epoca di formazione della collezione: Secolo XVIII Secolo XIX Secolo XX 
datazione dei reperti: Secolo XVIII Secolo XIX Secolo XX 
attività di restauro: Sì. La preparazione è affidata a laboratori interni ed esterni.
epoca di acquisizione della raccolta: XVIII secolo
titolarità della raccolta: proprietà
ente proprietario: Museo di Storia Naturale dell'Università degli Studi di Firenze - Sezione di Zoologia "La Specola"
responsabile della collezione: Marta Poggesi, Coordinatore generale tecnico

COLLEZIONE:
Collezione degli Invertebrati
descrizione: Esemplari a secco e in alcool. Modelli di Molluschi Gasteropodi con conchiglia vera e parti molli realizzate in resina.
numero reperti: 1.500.000 circa
stato di conservazione: Buono
area disciplinare: Naturalistica
inventario: cartaceo No , informatico No
catalogo: cartaceo Parziale , informatico Parziale
epoca di formazione della collezione: Secolo XIX Secolo XX 
datazione dei reperti: Secolo XIX Secolo XX 
attività di restauro: Sì. L'attività di preparazione è affidata a personale interno.
epoca di acquisizione della raccolta: XIX secolo
titolarità della raccolta: proprietà
ente proprietario: Museo di Storia Naturale dell'Università degli Studi di Firenze - Sezione di Zoologia "La Specola"
responsabile della collezione: Marco Borri, Coordinatore generale tecnico

SPAZI ESPOSITIVI
Consiste in 33 sale (22 per la zoologia, 10 per le cere, 1 per le mostre temporanee) situate al secondo piano dell'edificio; al piano terreno si trova il Salone degli Scheletri, con teche originali del XIX secolo.
superficie espositiva dedicata: 1500m2
superficie espositiva condivisa: 80m2
superficie ad uso di deposito: 2300m2

PERSONALE
dipendenti: 12
contrattisti: 30
volontari: 10

APERTURA
apertura al pubblico: Si
orario di apertura: 9.00-13.00; mer. e festività principali chiuso
costo del biglietto: intero €5 riduzioni € 2,50; gratuito sotto 6 e oltre 65 anni
ingressi a pagamento: 20015
ingressi gratuiti: 4115
visita guidata: Si (su richiesta)
bookshop: Si
materiale informativo: Si. Guide alle diverse collezioni e alla Sezione in generale.

BIBLIOTECA, ARCHIVIO STORICO, FOTOTECA
La biblioteca conserva pregevoli volumi antichi e opere moderne. L'archivio della Sezione comprende l'archivio (soprattutto epistolare) Giglioli, l'archivio generale del Museo dalla fine dell'Ottocento in poi e parte dell'archivio della Società Entomologica Italiana.
volumi biblioteca: 125000
documenti archivio: 5000
numero immagini: 1500

LABORATORI
laboratorio fotografico:
laboratorio di restauro:
laboratorio didattico:No

NUOVE TECNOLOGIE
utilizzo nuove tecnologie: Sì. Il sito Internet offre informazioni generali sul Museo e sulle sue attività e ne permette una visita virtuale.

PUBBLICAZIONI (1998-2000)
studi e ricerche: 38
cataloghi e guide: 5
pubblicazioni informatiche: 0

ANNOTAZIONI
Si sta procedendo alla definizione del progetto di restauro dell'antico osservatorio astronomico. È prevista anche la ristrutturazione di alcune sale ostensive e la catalogazione informatica delle immagini possedute.

BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE
- POGGESI, M., Museo Zoologico "La Specola", Firenze, Edizioni Polistampa, 1994
- AA.VV., Le cere anatomiche della Specola, Firenze, Arnaud, 1979
- Encyclopaedia anatomica, Collezione completa di cere anatomiche, Colonia, Taschen, 1999

persone intervistate: Marta Poggesi, Marco Borri, Coordinatori generali tecnici
data compilazione: 12/11/2001
compilatore: Laura Celli + LM
Ingresso del...
Particolare ...
Il grande sa...
Testuggine g...

Inizio