logo Museo Galileo - Istituto e Museo di Storia della Scienza
  • Statua sulla facciata del Palazzo Valori giÓ Altoviti, Firenze.zoom in altra finestra
  • Statua sulla facciata del Palazzo Valori giÓ Altoviti, Firenze.zoom in altra finestra

Palazzo Altoviti o dei "Visacci"

Fu edificato nel 1538 da Bartolommeo Panciatichi che vi inglob˛ almeno tre antichi edifici, tra cui l'abitazione appartenuta a Rinaldo degli Albizi, rivale di Cosimo il Vecchio. Verso la metÓ del secolo XVI, il senatore Baccio Valori, la cui famiglia era subentrata agli Albizi nella proprietÓ del palazzo, affid˛ l'ampliamento e il restauro della facciata a Giovanni Caccini. Il Valori definý il programma iconografico della decorazione della facciata, che volle ornata con quindici erme di personaggi illustri della cultura fiorentina. Tra i personaggi ricordati vi sono Marsilio Ficino, Amerigo Vespucci, Leon Battista Alberti, Francesco Guicciardini, Dante, Petrarca e Boccaccio. Questi ritratti furono chiamati i "Visacci", ovvero le brutte facce, da qui il nome al palazzo. I Visacci furono descritti nel 1604 dal figlio di Baccio. Il Valori, bibliotecario della Biblioteca Mediceo-Laurenziana e presidente dell'Accademia delle Arti del Disegno, fece di palazzo Altoviti uno dei centri propulsori della vita culturale fiorentina.

****************************

Scheda a cura di Antonella Gozzoli

Data aggiornamento 09/gen/2008